Jalna (La saga di Jalna #1)

0
49
visualizzazioni
Jalna
Jalna Book Cover Jalna
Le strade 398
Mazo De La Roche
Romanzo
Fazi Editore
4 luglio 2019
ebook
398

Cent’anni di amori, odi e passioni sullo sfondo dei paesaggi sconfinati del Canada. Una grande saga familiare bestseller in tutto il mondo. Jalna è il primo romanzo di una saga familiare amatissima che, a partire dagli anni Venti, conquistò generazioni di lettori, con undici milioni di copie vendute e centinaia di edizioni in tutto il mondo. All’epoca della sua prima uscita, la saga di Jalna, ambientata in Canada, era seconda solo a Via col vento fra i bestseller. Grazie a quest’opera, l’autrice, paragonabile a Thomas Hardy, ottenne fama internazionale e fu la prima donna a vincere il prestigioso Atlantic Monthly Prize. I Whiteoak, numerosa famiglia di origini inglesi, risiedono a Jalna, grande tenuta nell’Ontario che deve il suo nome alla città indiana dove i due capostipiti, il capitano Philip Whiteoak e la moglie Adeline, si sono conosciuti. Molto tempo è trascorso da quel fatidico primo incontro. Oggi – siamo negli anni Venti – l’indomita Adeline, ormai nonna e vedova, tiene le fila di tutta la famiglia mentre aspetta con ansia di festeggiare il suo centesimo compleanno insieme a figli e nipoti: a partire dal piccolo Wakefield, scaltro come pochi, infallibile nell’escogitare trucchi per non studiare e sgraffignare fette di torta, fino al maggiore, Renny, il capofamiglia, grande seduttore che nasconde un animo sensibile. La vita a Jalna scorre tranquilla, fino a quando due nuore appena acquisite arrivano a scombussolarne gli equilibri: la giovanissima Pheasant, figlia illegittima del vicino, il cui ingresso in famiglia è accolto come un oltraggio, e la deliziosa Alayne, americana in carriera che, al contrario, con la sua grazia ammalierà tutti, specialmente gli uomini di casa… Con una prosa leggera ed elegante e un delizioso sguardo ironico, Mazo de la Roche ci racconta la storia di tre generazioni accompagnandoci in un allegro gioco di intrecci incorniciato dalla bellezza e i colori del paesaggio canadese e dalla quiete della natura incontaminata.

Jalna è una saga familiare ambientata in Canada e scritta al inizio ‘900, che consta di ben 16 capitoli.

Questo primo volume parte a fine’ 800 e ci presenta tre generazioni della famiglia Whiteloak, la capostipite ormai nonna quasi centenaria, i suoi due figli anziani, che la accompagnano ovunque, i sei nipoti avuti da un figlio ormai scomparso, con due diversi matrimoni.

I personaggi sono descritti alla in modo impeccabile, il lettore riesce ad immaginarli come se li avesse davanti. L’atmosfera e i rapporti in casa rispecchiano alla perfezione il carattere di Adeline.

Anziana, arrivata dall’India appena sposata, è contenta di aver sfidato il destino ed essere arrivata alla soglia dei cento anni. Va in giro con il suo adorato pappagallo, sorretta dai due figli, adorna di nastri cuffiette ed anelli d’oro. Ama farsi baciare da tutti i presenti, ma anche farsi rispettare a suon di bastonate.

Nonostante la veneranda età, conservava tracce della bellezza di un Quella donna possedeva una feroce maestosità; aveva un naso magnifico e dava l’impressione di aver vissuto una giovinezza fitta di intrighi, amanti e duelli, anche se era rimasta nascosta per quasi tutta la vita in quel luogo sperduto.

Nicholas e Ernst sono ormai anziani anche loro, anch’essi sempre accompagnati dai due fedeli animali di compagnia, un cane l’uno e un gatto l’altro, a sottolineare, anche in questa scelta, il carattere opposto. Nonostante l’età è gli acciacchi, continuano a discutere e farsi dispetti come bambini.

[…]due figli e la madre possedevano ciascuno un animale da compagnia, affezionato soltanto al proprio padrone, e se ne stavano confinati nei loro appartamenti come pensionati di lusso, riemergendone soltanto in occasione dei pasti e per scambiarsi visite di cortesia, o la sera dopo cena per una partita di whist in salotto.

Arriviamo poi ai nipoti: Renny, ormai uomo di casa e responsabile della tenuta e di tutta la famiglia e Meg, delusa d’amore, che mantiene davanti a tutti le sue idee un po’ antiquate e la sua fermezza. I ragazzi più piccoli: Eden il poeta, Pears, Finch adolescente maltrattato da tutti, fino al piccolo monello Wakefield.

L’atmosfera che si respira in casa è di perenne scherzo, dispetto e competizione, sulla base però di un affetto solido che lega tutti, così diversi per età e carattere.

In quella stanza i Whiteoak potevano bisticciare, rimpinzarsi, bere e quant’altro, sicuri che il mondo non li avrebbe disturbati.

Questo primo capitolo attraversa un tempo limitato ed affronta piccoli episodi e grandi eventi che caratterizzano la vita dei più giovani, guidati da speranze, sogni e amore, mentre gli anziani si abbandonano ai ricordi della propria gioventù.

Il paragone con la saga dei Cazalet è inevitabile. Siamo di fronte ad una narrazione molto diversa, incentrata molto più sui caratteri dei personaggi, che su ciò che capita loro. I rapporti e le dinamiche familiari sono molto carichi di emozioni e sentimenti, primo fra tutti l’amore che guida e condiziona molte scelte.

Nonostante le differenze nette, questa saga mi ha conquistata allo stesso modo di quella dei Cazalet e non vedo l’ora di affrontare i prossimi capitoli.

Una frase…

E a Jalna il gioco della vita proseguì. Una partita difficile per giocatori testardi, che non richiedeva tanto agilità mentale quanto tenacia e una spessa corazza.

Contenuti extra

Sul sito dell’editore Fazi un articolo di approfondimento sulla saga e sulla tenuta canadese in cui è ambientata.

Su Il Libraio un approfondimento sulla saga in occasione dell’uscita in Italia di questo primo episodio della saga:

  • Trama
  • Personaggi
  • Ambientazione
  • Linguaggio
  • Copertina
  • Complesso
4.3

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui