La collezionista di storie perdute

0
56
visualizzazioni
La collezionista di storie perdute
La collezionista di storie perdute Book Cover La collezionista di storie perdute
Ann Hood
Romanzo
Newton Compton Editori
27 Settembre 2018
ebook
384

Il libro dell'anno per il Wall Street Journal Autrice bestseller del New York Times Dopo venticinque anni, il matrimonio di Ava è naufragato e lei si ritrova improvvisamente sola, con i figli lontani, presi dalle loro vite. Per tenersi impegnata, entra a far parte di un book club, sperando che la passione per la lettura possa aiutarla a stringere nuove amicizie. Quell’anno il gruppo di lettura chiede a ogni membro di presentare agli altri il libro che si è rivelato più importante nel corso di tutta la vita. Ava si mette alla ricerca di un libro a cui da bambina era molto affezionata e di cui ricorda nitidamente alcuni passaggi. È stato il libro che l’ha aiutata a superare il trauma della morte della madre e della sorellina. Intanto Maggie, la figlia di Ava, è a Parigi, impegnata in una relazione che la consuma con un uomo molto più grande di lei. Risalire al misterioso autore e ritrovare il libro sarà un’avventura che rivelerà segreti nascosti nel passato e aiuterà tanto Ava quanto Maggie a ripartire da un nuovo inizio. Il libro dell'anno per il Wall Street Journal Scelto dalla rivista People come migliore novità in libreria Il potere dei libri è straordinario «È un piacere leggere questo romanzo, e di sicuro sarà scelto da moltissimi book club.» USA Today «Un commovente punto di vista sul rapporto complesso di una madre con i figli cresciuti, trasformato magistralmente in materiale narrativo.» People «Un libro che si può leggere in un’infinità di modi: per prima cosa, è molto piacevole; in secondo luogo, è pieno di citazioni; terzo, è di grande ispirazione.» Bookreporter Ann Hood È nata e cresciuta nel Rhode Island, coltivando fin da bambina un immenso amore per i libri. Proprio grazie a un libro ha scoperto la sua seconda passione, viaggiare, e ha cominciato a girare il mondo. Dopo il successo delle prime pubblicazioni, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. La collezionista di storie perdute è il suo primo romanzo pubblicato in Italia dalla Newton Compton.

Aspettavo una storia completamente diversa da La collezionista di storie perdute.

Dal titolo mi sarei aspettata una narrazione più complicata e magica rispetto a quella che in realtà è. La storia di una donna lasciata dal marito che si iscrive ad un club letterario.

Per più di vent’anni, Ava aveva ascoltato Cate parlare del gruppo di lettura e di quanto fosse speciale.[…] Cate chiedeva ad Ava se voleva unirsi a loro, ma lei non ne aveva mai sentito il bisogno. Finché Jim non l’aveva lasciata. A dire il vero, era stata Ava a chiedere a Cate – a supplicarla, in pratica – di tenerle il posto nel caso qualcuno se ne fosse andato.

Simpatica la trovata di rendere protagonista di ogni mese il libro scelto dal club come lettura, rendendone parte integrante la discussione dei lettori del gruppo.

Altra nota positiva la descrizione molto ben fatta della figlia della protagonista alle prese con problemi di droghe: l’autrice riesce a portarti dentro il vortice delle sostanze stupefacenti presentandoti alla perfezione il personaggio completamente inerme e incapace di prendere coscienza della propria condizione.

A parte questi due punti, la storia è scontata e a tratti noiosa, senza alcuna componente in grado di incuriosire e rendere la lettura un po’ più piacevole. Nessun personaggio che coinvolga, nessun episodio che esca minimamente da quanto ci si aspetterebbe, il giallo di fondo scontato in ogni passaggio, le parti dove ci si aspetterebbe un po’ più di suspense, tralasciate e con esiti marginali.

Insomma La collezionista di storie perdute è una narrazione che non regge, che risulta gradevole, ma che personalmente non consiglierei.

Una frase…

«Non esistono forse giorni della nostra infanzia che abbiamo vissuto intensamente quanto quelli trascorsi in compagnia di un libro molto caro»

  • Trama
  • Personaggi
  • Ambientazione
  • Linguaggio
  • Copertina
2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui