Confusione (Cazalet #3)

0
58
visualizzazioni
Confusione
Confusione. La saga dei Cazalet Book Cover Confusione. La saga dei Cazalet
Le strade 294
Elizabeth J. Howard
Romanzo
Fazi Editore
5 settembre 2016
ebook
528

È il 1942: da quando abbiamo salutato i Cazalet per l’ultima volta è trascorso un anno. I raid aerei e il razionamento del cibo sono sempre all’ordine del giorno, eppure qualcosa comincia a smuoversi: per le giovani Cazalet la lunga attesa è finita e finalmente Louise, Polly e Clary fanno il loro ingresso nel mondo. Quella che le aspetta è una vita nuova, più moderna e con libertà inedite, soprattutto per le donne. Le cugine si avviano su strade disparate, tutte sospese tra la vecchia morale vittoriana del sacrificio e un costume nuovo, più disinvolto, in cui le donne lavorano e vivono la loro vita amorosa e sessuale senza troppe complicazioni. Mentre Louise si imbarca in un matrimonio prestigioso ma claustrofobico, sul quale incombe l’ingombrante presenza della suocera, Polly e Clary lasciano finalmente le mura di Home Place per trasferirsi a Londra e fare i loro primi passi nell’agognata età adulta, che si rivela ingarbugliata ma appagante. Per quanto riguarda il resto del clan, fra nascite, perdite, matrimoni che vanno in frantumi e relazioni clandestine che si moltiplicano, i Cazalet vanno avanti a testa alta e labbra serrate, sognando, insieme ai loro amici e ai loro amanti, la fine della guerra: «il momento in cui sarebbe iniziata una vita nuova, le famiglie si sarebbero ricongiunte, la democrazia avrebbe prevalso e le ingiustizie sociali sarebbero state sanate in blocco». Ormai ci sembra di conoscerli personalmente, e non possiamo che attendere insieme a loro quel momento. Nel frattempo, godiamoci i colpi di scena di Confusione, che ci lasceranno senza fiato.

Su Il tempo dell’attesa, secondo volume della saga, è stato scritto:

«Siete pronti per una nuova meravigliosa dipendenza? La saga dei Cazalet è la nuova serie in cui cascare dentro. Una scrittrice eccellente».
Elena Stancanelli, «D – la Repubblica»

«È finita l’astinenza: arriva finalmente il secondo volume della saga della famiglia Cazalet».
Caterina Soffici, «Vanity Fair»

«Le sue storie di famiglie borghesi un po’ disfunzionali sono celebrate dalla critica e appassionano i lettori».
Camilla Baresani, «Grazia»

«Un romanzone che fa sorridere e commuovere».
Annarita Briganti, «Donna Moderna»

Terzo episodio della saga dei Cazalet, che, contrariamente a quel che accade di solito, non perde smalto rispetto ai volumi precedenti,anzi mantiene viva l’attenzione e l’interesse del lettore la pari dei due volumi precedenti.

Siamo nel 1942, la guerra continua ad imperversare, coinvolgendo ormai tutto il mondo e le vicende questa volta ci portano fino alla fine del conflitto. La  maggior parte della famiglia è ancora nella casa di campagna, ma le nipoti, protagoniste della storia anche questa volta, sono ormai cresciute e si spostano nuovamente a Londra per intraprendere strade diverse.

ll racconto si sviluppa, come il secondo volume, concentrandosi sulle tre giovani dell’ultima generazione, ormai donne, Clairy, Louise e Polly, con capitoli dedicati a ciascuna di loro,che si alternano, stavolta con ritmo meno regolare, a quelli dedicati alla famiglia.

La narrazione dà sempre la priorità alle donne, ma questa volta passano un po’ in secondo piano tutte le altre, tanto della famiglia quanto le domestiche,l’autrice preferisce darci notizie di tutti i protagonisti, aggiornarci sulle vicende che li vedono protagonisti, senza concentrarsi più di tanto sulle singole figure femminili.

Ancora una volta però la narrazione scorre con dovizia di particolari su ambienti, situazioni e pensieri e non lasciando sfuggire nulla al lettore incuriosito ed interessato. Pur senza prediligere un personaggio ad un altro, l’autrice ci mantiene informati su tutti quelli conosciuti fino ad ora, tanto principali quanto secondari, aggiornandoci sulle vicende di ciascuno e rendendo il lettore partecipe degli stati d’animo con cui le affrontano.

Per quanto riguarda le tre giovani donne, l’autrice si sofferma un po’ in più sulla vita e le difficoltà di Luoise, giovane sposa, rispetto a quella delle due più piccole, ormai indipendenti e alla ricerca di una strada personale e professionale. Nel loro caso sceglie di evidenziare prevalentemente il loro rapporto con Archie, sempre più parte integrante della famiglia, ormai punto di riferimento di tutti, giovani e adulti, proprio perchè persona di fiducia, ma non di famiglia e per questo esente da giudizi ed implicazioni complicate.

Personalmente mi sarebbe piaciuto un po’ di approfondimento in più sulle scelte compiute dalle due ragazzine e sull’evolversi del loro rapporto, che viene lasciato come sfondo a vicende ritenute dall’autrice più importanti. Superficialità che invece non manca nel raccontare la vita di Louise, della quale percepiamo alla perfezione lo stato d’animo nelle diverse situazioni descritte.

Il finale è un po’ scontato, ma lascia il lettore in ogni caso con la curiosità di preseguire. Non resta quindi che tuffarsi nel prossimo episodio per conoscere cosa avverrà una volta terminato il conflitto.

  • Trama
  • Personaggi
  • Ambientazione
  • Linguaggio
3.8

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui