Cortile Nostalgia

0
55
visualizzazioni
Cortile nostalgia
Cortile Nostalgia Book Cover Cortile Nostalgia
LA SCALA
Giuseppina Torregrossa
Romanzo
Rizzoli
Maggio 2017
320

A Palermo c'è una piazzetta abitata dalla magia, dove ogni notte sette fate, una chiù bedda di n'autra, rapiscono i passanti per condurli verso luoghi lontani e poi riportarli a casa, storditi dalla meraviglia, alle prime luci dell'alba. È in questo cortile che vive Mario Mancuso, nel cuore dell'Albergheria, tra le abbanniate dei mercanti di Ballarò e i rintocchi del campanile di Santa Chiara. Orfano, ha conosciuto solo l'affetto di zia Ninetta, che però lo abbandona al primo giro di vento, inseguendo i propri sogni. L'incontro con Melina è la sua occasione per ritrovare in una nuova famiglia il calore che il destino gli ha negato. Per lei, bella e infelice, quel ragazzo rappresenta la libertà da due genitori che l'hanno educata più alle privazioni che all'amore. Lo sposo però deve partire per Roma, dov'è stato assegnato come carabiniere semplice, così le nozze sono celebrate in fretta e furia, e con la stessa voracità vengono consumate. Forse soltanto un figlio può colmare la distanza tra marito e moglie, sempre in bilico tra tenerezza e passione; ed è così che nasce Maruzza. A legarli sarà una sottile nostalgia, la stessa che gli abitanti della piazzetta, di Paesi e colori diversi, curano ogni sera con i piatti cucinati dalla donna che tutti chiamano Mamma Africa e che sembra avere lo stesso dono delle sette fate. Con un romanzo corale e pieno di vita, Giuseppina Torregrossa racconta la necessità innata di essere accolti in un abbraccio: quello di una madre, un marito, un amico, o una città che sappia tenere aperte le porte anche nella notte.

In La Miscela segreta di casa Olivares, Giuseppina Torregrossa accompagnava il lettore tra le strade di Palermo devastate dalle bombe, tra i corridoi di casa Olivares e nelle stanze della bottega facendogli sentire l’odore e quasi il sapore del caffè, elemento portante del racconto.

Cortile Nostalgia ci riporta tra le strade di Palermo, alla fine degli anni ’60, e ci fa attraversare nel corso della narrazione gli anni ’70 con la presenza di Moro nei palazzi di Roma, la comparsa delle brigate rosse e soprattutto il boom economico.

Più che per le strade della sua città, però, in questo caso l’autrice si avventura nei percorsi impervi dell’animo umano, nella difficoltà dell’amore che non riesce a manifestarsi nella maniera corretta.

Mario, giovane orfano, si innamora di una ragazza del suo quartiere, Melina, e, dopo un breve fidanzamento, la sposa, proprio il giorno prima di iniziare a prestare servizio come carabiniere a Roma.

Mario è cresciuto senza conoscere i sentimenti tipici di una famiglia, desideroso di amore, ma incapace di gestirlo, Melina è scappata da un padre padrone legato al denaro e si scontra con un sentimento che credeva diverso, più dolce, più presente e reagisce con freddezza estrema.

Vivono lontani e si irrigidiscono sempre più nei loro caratteri non facili, rendendo difficili anche i rapporti con la figlia nata dalla loro unione, costretta durante la crescita a confrontarsi con due genitori incapaci di trasferirle emozioni e di manifestarle i propri sentimenti.

Sullo sfondo la storia dell’Italia di quegli anni, con immigrati che arrivano a Palermo pieni di speranze, la mafia sempre più forte in città che non risparmia i quartieri più deboli, l’ascesa di Moro in politica e il contrasto con le BR, il femminismo ed i moti del ’78.

L’autrice si concentra sui sentimenti e sulle emozioni dei personaggi, in particolare dei tre protagonisti, con un linguaggio semplice e chiaro, ma in grado di descrivere perfettamente le difficoltà di ciascuno.

E’ un romanzo di solitudine, dove i caratteri difficili e l’incapacità di amare portano anche il lettore a mantenersi distaccato, a trattenere l’empatia e a ritardare il più possibile qualsiasi coinvolgimento.

Nonostante questo, alla fine si rimane coinvolti e ci si ritrova alla ricerca della chiave giusta in grado di tenere unita questa famiglia ed i suoi componenti.

  • Trama
  • Personaggi
  • Ambientazione
  • Linguaggio
  • Copertina
  • Complesso
3.3

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui