I leoni di Sicilia. La saga dei Florio

0
83
visualizzazioni
I leoni di Sicilia
I leoni di Sicilia Book Cover I leoni di Sicilia
COLLANA NARRATIVA NORD
Stefania Auci
Romanzo
Editrice Nord
6 maggio 2019
ebook
448

C’è stata una famiglia che ha sfidato il mondo. Una famiglia che ha conquistato tutto. Una famiglia che è diventata leggenda. Questa è la sua storia. Dal momento in cui sbarcano a Palermo da Bagnara Calabra, nel 1799, i Florio guardano avanti, irrequieti e ambiziosi, decisi ad arrivare più in alto di tutti. A essere i più ricchi, i più potenti. E ci riescono: in breve tempo, i fratelli Paolo e Ignazio rendono la loro bottega di spezie la migliore della città, poi avviano il commercio di zolfo, acquistano case e terreni dagli spiantati nobili palermitani, creano una loro compagnia di navigazione… E quando Vincenzo, figlio di Paolo, prende in mano Casa Florio, lo slancio continua, inarrestabile: nelle cantine Florio, un vino da poveri – il marsala – viene trasformato in un nettare degno della tavola di un re; a Favignana, un metodo rivoluzionario per conservare il tonno – sott’olio e in lattina – ne rilancia il consumo in tutta Europa… In tutto ciò, Palermo osserva con stupore l’espansione dei Florio, ma l’orgoglio si stempera nell’invidia e nel disprezzo: quegli uomini di successo rimangono comunque «stranieri», «facchini» il cui «sangue puzza di sudore». Non sa, Palermo, che proprio un bruciante desiderio di riscatto sociale sta alla base dell’ambizione dei Florio e segna nel bene e nel male la loro vita; che gli uomini della famiglia sono individui eccezionali ma anche fragili e – sebbene non lo possano ammettere – hanno bisogno di avere accanto donne altrettanto eccezionali: come Giuseppina, la moglie di Paolo, che sacrifica tutto – compreso l’amore – per la stabilità della famiglia, oppure Giulia, la giovane milanese che entra come un vortice nella vita di Vincenzo e ne diventa il porto sicuro, la roccia inattaccabile. Intrecciando il percorso dell’ascesa commerciale e sociale dei Florio con le loro tumultuose vicende private, sullo sfondo degli anni più inquieti della Storia italiana – dai moti del 1818 allo sbarco di Garibaldi in Sicilia – Stefania Auci dipana una saga familiare d’incredibile forza, così viva e pulsante da sembrare contemporanea.

Finalmente, dopo mesi di attesa, sono riuscita a leggere I leoni di Sicilia. La saga dei Florio, il libro più venduto dell’anno. Per una volta mi trovo pienamente con il successo del pubblico.

L’autrice si è documentata ed ha scritto un romanzo che ripercorre la vita di questa famiglia, i Florio appunto, che alla fine del ‘700 emigrarono dalla Calabria in Sicilia.

Da piccoli commercianti con una barca che appunto effettuava spedizioni in Sicilia, diventano veri e propri mercanti, espandendo nel tempo il proprio potere ed ampliando gli affari dalla vendita e il commercio delle spezie, alle stoffe, ai tonni, all’edilizia e alle fabbriche di carbone.

Passano anni e si passa da una generazione all’altra. Prima il primogenito Paolo, poi suo fratello Ignazio, infine il figlio Vincenzo e il nipote Ignazio.

Tutti uomini determinati e lungimiranti, che non hanno paura di rischiare ed investire per realizzare i propri sogni e che negli anni portano la famiglia alla ricchezza. Tutti soffrono però delle proprie origini, non sono ricchi di nascita, non hanno il “sangue nobile” che a quel tempo sembra essere più importante delle ricchezze materiali.

Non si può cancellare quello che uno è, per quanto profumo di soldi si butta addosso.

Sono uomini rudi, che mettono il lavoro avanti a tutto, avanti all’amore soprattutto.

Dietro di loro le donne, in un’epoca in cui non hanno diritto di parola, nonostante provino a prenderla. Donne che li seguono e a loro modo li guidano, anche se facendosi da parte. Prima fra tutte Giuseppina, moglie di Paolo e madre di Vincenzo, che attraversa le generazioni e non smette di portare avanti la sua sofferenza e la sua determinazione.

Ciò che prova per Giuseppina non ha più il sapore della passione. È qualcosa che ricorda la dolcezza delle sere d’autunno, con la consapevolezza che l’estate è alle spalle e che l’inverno attende dietro la porta.

Sullo sfondo l’Italia dell’Ottocento, con la storia travagliata che da Napoleone la porta all’unità d’Italia. Piena di conflitti e sommosse, vissute in modo particolare nel Sud del Regno delle due Sicilie ed ancora più in disparte nell’isola della Sicilia. Crocevia per i commerci, ma lontana dal potere centrale di Napoli e dei Borbone.

Lo stile di Stefania Auci è scorrevole e fluido, semplice, senza troppe descrizioni, eppure in grado di presentare perfettamente ambienti e personaggi. I protagonisti, diversi eppure con tratti comuni, caparbi e determinati, tutti uomini e donne, che percorrono la propria strada senza lasciarsi fermare dalle difficoltà.

I leoni di Sicilia. La saga dei Florio è una saga davvero ben fatta di cui si attende con ansia il secondo volume.

Una frase…

Solleva il bicchiere, fa un brindisi silenzioso. Gli esseri umani finiscono per deluderlo. Sempre. Le radici per lui sono le imprese. Il tronco è Casa Florio. Soldi e prestigio sono decuplicati, ma ancora non gli basta, non è sufficiente.

Premi

2019 – Premio Nazionale Rhegium Julii sezione narrativa (Premio Corrado Alvaro)

Contenuti Extra

Un interessante articolo sul blog de Il fatto quotidiano dedicato all’autrice e alla Saga dei Florio.

I leoni di Sicilia è diventato il libro più venduto del 2019 come celebrato in questo articolo sul sito Il Libraio. All’edizione 2020 del Salone del libro Stefania Auci ha presentato la seconda parte della serie, attualmente in scrittura. Intanto sono stati venduti i diritti per la realizzazione della fiction Rai.

  • Trama
  • Personaggi
  • Ambientazione
  • Linguaggio
  • Copertina
  • Complesso
4.6

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui